Alimentazione vegana

Il veganismo è un vero e proprio stile di vita che coinvolge non solo le scelte a tavola, ma ha risvolti importanti anche su quello che si decide di non indossare e, in generale, sulle scelte di vita quotidiana.

Chi sono i vegani

Partiamo dalle basi, chi sono i vegani e in cosa si differenziano dai vegetariani? Il termine “vegano” indica una persona che ha deciso in modo consapevole di eliminare dalla propria alimentazione quotidiana tutti gli alimenti di origine animale. Un vegano, dunque, non mangia la carne e i suoi derivati, il pesce, latte e derivati, le uova ed il miele.

In Italia il punto di riferimento per coloro che seguano una dieta vegetariana o vegana è rappresentato dalla Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana (SSNV), associazione senza scopo di lucro fondata nel 2000 per diffondere in Italia corrette informazioni, evidence-based (basate sull’evidenza scientifica), sull’alimentazione a base vegetale. Proprio grazie a questa associazione, che raggruppa medici sparsi su tutto il territorio nazionale, è possibile cercare professionisti soci di SSNV nella propria zona, per ottenere consulenze personalizzate rispetto alla scelta vegana a tavola.

I pro e i contro

Molte persone guardano alla dieta vegan con un po’ di timore, considerandola uno stile alimentare fatto di privazioni e rinunce potenzialmente pericoloso per la salute. In realtà, numerose evidenze scientifiche affermano esattamente il contrario, perché una dieta vegana varia ed equilibrata non solo è possibile, ma apporta anche numerosi benefici per la salute.

Il Ministero della Salute, infatti, riconosce che le diete a base vegetale siano una protezione dalle malattie cardiovascolari, da alcuni tipi di neoplasie, e si registra una riduzione della mortalità per tutte le cause. Inoltre la dieta vegana sembra offrire un’ulteriore protezione dall’insorgenza di obesità, ipertensione, diabete mellito di tipo 2 e mortalità cardiovascolare, soprattutto nel sesso maschile. Il contenimento del peso corporeo sarebbe spesso associato a una dieta priva di alimenti di origine animale, ma anche alla maggior presenza di antiossidanti e fibre propria di una dieta ricca di verdura e frutta fresca.

Non esistono, dunque, dei “contro” rispetto alla scelta vegana a tavola, l’importante è fare una scelta di dieta corretta, equilibrata e variegata. Per restare in salute è indispensabile seguire una dieta varia ed equilibrata, facendo riferimento alle linee guida stilate dalla stessa SSNV.

I pro e i contro

Alimentazione vegana e bambini

Intorno alla dieta vegana gravitano tanti miti, ma il più diffuso è quello secondo il quale sarebbe un regime alimentare difficile da seguire, rigido e non adatto ai bambini. Ancora una volta, però, gli esperti raccontano una verità diversa, cioè dichiarano che la dieta vegana non solo è adatta in età pediatrica, ma è anche più salutare rispetto a diete di altro tipo. Ma in generale tutte le linee guida internazionali classificano le diete vegetali come salutari, anche nei bambini. Se un bambino viene alimentato con una alimentazione vegana adeguata e bilanciata, non solo non andrà incontro a carenze, ma riscontrerà numerosi benefici in termini di salute.

Nessun pericolo per quanto riguarda l’assunzione di proteine, anzi una dieta vegana ben bilanciata apporti il giusto quantitativo di proteine, anche nei bambini. Nessun pericolo nemmeno per l’alimentazione vegana in gravidanza, anzi l’alimentazione vegana è quella che espone il feto a minori rischi, quali possono essere interferenti endocrini o gli inquinanti ambientali. La dieta vegana è adatta davvero a qualsiasi età, perfino negli anziani.

I commenti sono chiusi.